Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Wendell Berry – Mangiare è un atto agricolo

Wendell Berry – Mangiare è un atto agricolo

by Gianluigi Bodi
A leggere Mangiare è un atto agricolo mi ha spinto la curiosità.

Avevo già letto i due precedenti lavori narrativi di Wendell Berry pubblicati in Italia da Lindau e in un certo senso potevo dire di conoscere la voce di Berry scrittore. Sapevo però che oltre alla narrativa, Berry è attivo anche nel campo della saggistica, e questa ultima parte mi mancava.

Non so, mi sembrava di non avere il quadro completo a disposizione. Sentivo di dover affrontare anche questa sfumatura del carattere dello scrittore statunitense. Sono lieto di averlo fatto.

Mangiare è un atto agricolo” è una raccolta di saggi scritti da Wendell Berry a partire dagli anni settanta. Leggendoli vi accorgerete che le tematiche tanto care a chi vuole salvare il mondo ora, sono le stesse messe in risalto da Berry più di trent’anni fa. Quindi, la prima cosa che vi verrà di pensare è che c’erano persone sagge anche allore. La seconda, quella che vi farà dubitare della bontà dell’evoluzione umana, è che queste persone sagge sono rimaste inascoltate e tutti i consigli sono volati via con il vento. A partire dal concetto che viene ripreso nel titolo, quello secondo il quale è necessario avere consapevolezza di ciò che mangiamo perché quel cibo arriva da qualche parte e comporta dei sacrifici.

Badate bene, quella di Berry non è una crociata a favore di un movimento alimentare. Non si abbattono a schiaffi i carnivori, non si esaltano i vegetariani o i vegani, quello che Wendell Berry fa è analizzare a fondo il problema dell’alimentazione senza privilegiarne un tipo particolare. Quello che a lui interessa è che sia chiaro che come stanno andando le cose ora è sbagliato e pure contro natura. Stiamo navigando a vista, nella nebbia e ci stiamo dirigendo verso una scogliera. Secondo voi chi si farà più male? Daltronde la terra, per quando possiamo trattarla male è qui e ci resterà. Si scrollerà di dosso con un colpetto le pulci che la infastidiscono e continerara a ruotare nello spazio.
Berry propone soluzioni, ovvio, come ad esempio il rallentare il ritmo dell’agricoltura e aumentare il numero di addetti alla monodopera. Ma le sue soluzioni immagino vengano considerate folkloristiche alle orecchie dei grandi dell’industria.
Conoscere il Wendell Berry scrittore di narrativa pone alcune domande. Le due facce creative di Berry sembrano essere complementari. Da un lato pare che Berry, con i saggi, di valore al mondo creato con Port William. Dall’altro può sembrare che alcune delle idee sviluppate nei saggi siano nate osservando i cittadini di Port Williams.
In definitiva, Se avete amato Wendell Berry narratore troverete la lettura di questi saggi molto interessanti. Se siete di quelli che si interessanto alle tematiche della decrescita sostenibile questo libro non può assolutamente mancare nelle vostra libreria.
Se invece siete capitati per caso davanti a “Mangiare è un atto agricolo”, beh, avete avuto fortuna.
A tradurre questa raccolta di saggi ci ha pensato ancora una volta Vincenzo Perna. Ora, mi era già parso complesso tradurre il Berry narratore, ma adesso mi sorge una nuova considerazione. Se si può mai dire che un traduttore arriva al punto di abituarsi a tradurre un autore, mi chiedo cosa possa succedere nel momento in cui questo scrittore sconfina nel genera della saggistica. Ho sentito Perna parlare di quanto sia stato difficile tradurre “Jayber Crow” e Hannah Coulter” di quando si sia dovuto informare delle pratiche e degli usi di quella particolare zona d’america nel periodo descritto da Berry. Posso solo immaginare quanto ulteriore studio abbia comportato la traduzione dei saggi.
Un plauso a Lindau per aver “scoperto” Wendell Berry e averlo portato in Italia e, soprattutto, per aver investito tante energie credendo fermamento nel successo di pubblico di questo autore.

Commenti a questo post

Articoli simili

18 comments

Breve lista di libri non fiction | Senzaudio 23 Dicembre 2015 - 14:05

[…] Berry con  “Mangiare è un atto agricolo“riempie una mia lacuna. Ero consapevole della bravura del Berry scrittore, ma mi mancava il […]

Reply

Leave a Comment