Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Jamie Attenberg – Santa Mazie

Jamie Attenberg – Santa Mazie

written by Gianluigi Bodi 16 ottobre 2016
Jamie Attemberg, Santa Mazie, Giuntina,

La vecchia Marie Phillips-Gordon, mai vista in vita mia eppure pare di conoscerla da sempre. Pare di avercela davanti, di sentirla parlare, di vederla mentre fuma, mentre dà i biglietti per entrare al cinema o mentre si occupa di qualche sfortunato. Me la vedo lì perché ho fatto un giro sul Web, ho cercato qualche sua foto e l’ho trovata così diversa eppure così simile a come me l’ero immaginata leggendo le pagine di “Santa Mazie“.

Il libro di jami Attenberg è un tentativo di portare alla luce un personaggio semi sconosciuto. Un personaggio con un raggio d’azione molto ristretto, amato e adorato da tutto coloro che l’hanno conosciuta e che da lei si sono sentiti aiutati. Il tentativo della Attenberg è riuscitissimo. Mazie ne esce fuori con una personalità dalle mille sfaccettature. Il libro veicola i suoi difetti e il suo carattere brusco, ma sincero, veicola la sua bontà d’animo, la sua esuberanza, il suo attaccamento alla vita e il dolore provato quando questa vita viene annientata. Una Mazie con l’animo da crocerossina, pronta sempre ad aiutare i senzatetto.

Lo stratagemma usato da Jamie Attenberg è molto convincente. Da una parte riporta degli spezzoni della presunta autobiografia inedita di Mazie e del suo diario, dall’altra ci sono delle trascrizioni di interviste fatte a persone che hanno avuto a che fare con lei. A volte gente che l’ha conosciuta, altre volte, gente che è stata solo indirettamente in contatto con lei. Il continuo rimando tra un formato e l’altro aiuta a riempire i buchi, dà al testo l’alone di documentario. La lettura, anche per questo, procede spedita fino alla fine. Per questo e per il fatto che Jamie Attemberg sa scrivere molto bene ed è una scrittrice straordinaria.

Farete quindi la conoscenza di Mazie, una persona comune con un cuore grande e l’energia necessaria per non lasciarsi abbattere da nulla. Chissà quante Mazie ci sono state e ci saranno nella vostra vita. Chissà se un giorno ve ne renderete conto. Camminate già fianco a fianco a delle persone meritevoli senza saperlo.

Ottima la traduzione di Paola Buscaglione Candela. Una lettura spedita e coinvolgente passa anche attraverso una traduzione bene fatta.

Jami Attenberg (1971) è autrice di cinque romanzi. Laureata alla John Hopkins University, collabora con riviste e giornali tra cui il New York Times e Nerve. Dei Middlestein (Giuntina, 2014) Jonathan Franzen ha scritto: “I Middlestein mi hanno conquistato fin dalle prime pagine, e una volta giunto alle ultime ho ammirato la compassione di Jami Attenberg e la sua maestria nel saper raccontare una storia”.

Commenti a questo post

You may also like

11 comments

Leave a Comment

Questo sito usa cookies per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue impostazioni cookie.