Home RubricheLenti a contatto Sparita la moda della “Nek Nomination”

Sparita la moda della “Nek Nomination”

by senzaudio

La chiamavano “Nek Nomination” e già stava spopolando in tutto il mondo. La “nomination alcolica”, da alcuni chiamata così, è un gioco pericoloso che stava aumentando gli apprezzamenti a dismisura sui social network. Le regole erano queste: un vostro amico iscritto su Facebook veniva immortalato mentre beve, tutto d’un fiato, una bottiglia di birra o di alcolici (uno può arrivare fino a 1 litro e mezzo) nominando successivamente altri tre suoi amici che dovevano tracannare, entro un giorno dopo il tag, la stessa quantità della bevanda. Se i nominati si astenevano dal giocare, o non riuscivano a sorbire l’alcool, erano costretti a pagare pegno. Un gioco nato nella lontana Australia (il nome Nek Nomination sta a significare, in un certo senso, la parte superiore della bottiglia della birra o degli alcolici) che ha scatenato diverse reazioni polemiche in tutto il mondo. Nella nostra Nazione, dove la sfida è diventata famosa dal mese di gennaio, si sono contati vari episodi poco felici: in Sicilia, un ragazzo è stato ricoverato immediatamente perché entrato in coma etilico.

Nel resto del mondo, purtroppo, molti morti accertati per dei cocktail che prevedono anche un mix di alimenti per cani e gin, tanto per citare uno squallido esempio. In una collettività sempre più martoriata da problemi, si è pensato bene di immettere questa delirante tendenza che sta provocando vittime e non solo. Ormai c’è il bisogno di farsi notare sui vari social, di sentirsi adulti e di emulare questo o quell’altro. Ma non solo. Per non rimanere indietro con i tempi perché anche nel 2014 chi non partecipa alla novità attuale è considerato uno “sfigato”. C’è la necessità di un cambiamento in positivo, a cominciare da queste piccole cose, a eliminare episodi che con la vita umana c’entrano pochissimo. Si può vivere in una società migliore con il dialogo, con la voglia di mettere in gioco le proprie qualità per cose serie. Non è difficile. Si potrebbe iniziare cercando di non emulare questi giochi squallidi, che ne dite? A distanza di mesi, la situazione pare migliorata.

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.