Marcel Proust – Racconti

by Nicola Vacca

I racconti di Marcel Proust sono dei veri e propri capolavori. Si possono leggere ne Il piacere e i giorni, libro con il quale il grande scrittore francese esordì nel 1896.

Da quel libro, oggi di difficile reperibilità, Giuseppe Girimonti Greco e Ezio Sinigaglia hanno scelto alcuni racconti e li hanno nuovamente tradotti avvalendosi di una bella squadra di esperti. Il risultato è un libro prezioso da leggere e da avere.

Racconti, questo è il titolo uscito da Clichy, mostra tutto il genio dell’autore della Recherche.

Il filo rosso che lega le diverse storie è autenticamente proustiano. Marcel è straordinario nel raccontare quello che gli accade attorno.

Nell’effimero mondo mondano lo scrittore dà conto delle vite consumate dei suoi personaggi.

Nelle pagine giovanili di Marcel Proust ci sono già tutti i tormenti mondani ma soprattutto tutte le ossessioni che troveremo nel suo capolavoro.

Anche prima della Recherche Marcel Proust è stato un grande scrittore. Lo testimoniano questi racconti evocativi di tutto il suo mondo di amore e di illusioni che troveremo nel suo consacrato capolavoro.

Se volete iniziare un viaggio nel mondo di Marcel Proust  è doveroso leggere le sue opere giovanili e in modo particolare i suoi racconti.

Il volume curato da Giuseppe Girimonti Greco e Enzo Signigaglia, che insieme a Mariolina Bertini, Federica Di Lella  Ornella Tajani traducono nuovamente un Proust di cui si era persa memoria, è una bella occasione per riscoprire o per cimentarsi per la prima volta con il Marcel Proust degli esordi letterari.

Nei racconti del più grande dei scrittori francesi vi ho ritrovato tutti i tormenti dello scrittore e dell’uomo Marcel Proust.

Notevoli i ritratti dei suoi personaggi che in comune hanno la consapevolezza di non essere innocenti nella frequentazione mondana del loro universo in cui un grande vuoto si nasconde dietro le apparenze di una vita di società che altro non è che una tortura.

Anatole France  nell’introduzione a  Les  plaisirs et les jours scrisse: «Proust non è affatto innocente.È sincero e schietto fino all’ingenuità, e piace così».

Il giovane Proust vi conquisterà allo stesso modo in cui siete rimasti affascinati da quello maturo, perché come giustamente osservò  André Gide  «tutto ciò che ammiriamo in Swann e nei Guermantes lo troviamo già qui, in filigrana, quasi insidiosamente anticipato: l’attesa infantile del bacio serale della madre, l’intermittenza del ricordo, lo stemperarsi dei rimpianti, la forza evocativa dei nomi e dei luoghi, i tormenti della gelosia, la seduzione dei paesaggi».

 

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.