Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. Aspettati l’inferno – Omar di Monopoli

Paratesto:

Uno sparo nel buio e una macchia si apre sul nero e bianco. Un’ombra di sangue avvolge la casa. Sangue come può essere sanguigno l’amore. Sangue di morte e di vite perdute troppo presto. Ed è un presagio quello che vedo, chi abita quella casa sarà costretto a fare i conti con un destino che non fa sconti a nessuno. Potrebbe sembrare un’alba, ma in realtà è un tramonto.

Testo:

C’è davvero di tutto in questa raccolta di racconti di Omar di Monopoli. “Aspettati l’inferno” l’ha chiamata e io, bravo e buono, ogni volta che iniziavo un racconto sto inferno me lo aspettavo tutto. Perché nella decina di racconti scritta da Di Monopoli non ti puoi aspettare che ci sia un lieto fine, sai che dietro l’angolo sta per capitare una cosa brutta che quanto arriva ti dici: eccoti, ti stavo aspettando. Eterogenei sono i racconti di “Aspettati l’inferno”, spaziano tra genere diversi, fantascienza, horror, puro realismo, e sfociano a volte nella commedia (Sputazza from outer space) e più spesso nella tragedia. Ma la cosa grande che fa Di Monopoli è quella di coniugare tutti questi genere in maniera personale irradiandoli di qualcosa che deve prendere fondamento nelle sue radici. Mescola, aggiunge ingredienti, quasi come un alchimista lavora sulla materia per consegnare una serie di racconti davvero degna di nota. Racconti in cui ci può capitare di incontrare degli alieni colmatori, delle bestie assetate di sangue, dei camerunensi guaritori e dei morti che resuscitano per finire quello che in vita non avevano completato. E’ l’effetto che fa l’inaspettato quando in realtà sei convinto di sapere come andranno le cose a spiazzarti. Ti porta fuoristrada ed è perfetto così, perché ti illudi di avere il controllo della storia, ma il controllo ce l’ha solo una persona…e non sei tu.

Non posso parlare di un solo racconto perché mi sono piaciuti tutti, caso raro, lo ammetto. Menziono però uno di quelli che, in questo momento, amo di più e che, incidentalmente, è pure quello che da il titolo al libro. “Aspettati l’inferno” è un thriller mozzafiato, una ricerca della libertà, una fuga per la salvezza di due personaggi improbabili che mai nella vita avrebbero visto le proprie strade incrociarsi. La cosa splendida è l’ambientazione. A farne un film basterebbero due location, una stazione di servizio mezza scassata e una zona di campagna. Ma Di Monopoli è grandioso nel creare e ricreare attimi di suspance seguiti da momentanei cali di tensione che ti fanno riprendere fiato prima dello sprint successivo. Il ritmo è centellinato magistralmente. E poi il finale. Uno di quei finali che ti lasciano l’amaro in bocca. A chi ha imparato di apprezzare Omar Di Monopoli per i suoi romanzi dico di comprarsi anche “Aspettati l’inferno” e rendersi così conto autonomamente del fatto che anche con le distanze brevi ci sa fare. Chi invece non lo conosce può tranquillamente iniziare da qui e farsi un’idea dei temi cari allo scrittore pugliese. Magari non ve ne siete resi conto, magari è solo una mia suggestione, ma la scrittura di Omar Di Monopoli mi è rimasta talmente dentro che temo di averne riversata un pochino anche qui.

Coordinate:

Le mie frequentazioni con la casa editrice ISBN sono positive da parecchio tempo oramai. Ho perso il conto del numero dei loro libri che ho letto. Mi soprendono sempre per la diversità dei titoli proposti, per la saggistica (soprattutto quella musicale e calcistica) e per le copertine che solitamente accompagnano gli Special Books (una delle loro collane). Questo libro è un altro tassello importante di un lavoro che è iniziato una decina di anni fa e mi auguro proseguirà per i prossimi n decenni.

Omar di Monopoli ha un rapporto molto stretto e proficuo con ISBN. “Aspettati l’inferno” è solo l’ultimo di una lunga serie di pubblicazioni affidate alla casa editrice dal codice a barre. Questa è la sua prima raccolta di racconti. Come riportato dal sito di ISBN: Omar Di Monopoli, classe 1971, vive e lavora a Manduria, in Puglia. Isbn ha pubblicato i suoi romanzi Uomini e Cani, Ferro e Fuoco e La legge di Fonzi. Nel 2008 ha vinto il premio letterario Edoardo Kihlgren con Uomini e Cani, dal quale nel 2015 verrà tratto un film con Sergio Rubini e Corrado Fortuna, per la regia di Fabrizio Cattani.

Voglio infine citare l’art director Alice Beniero e il grafico Fabio Montagnoli perché, a quanto ne capisco io di libri, se la copertina è così, perdonatemi il termine “acchiappante” e se il libro si legge senza che la vista si offenda, beh, se le cose stanno così parte del merito dovrebbero avercela loro.

Concludo con la copertina. Cio ho giocato un po’ nel “Paratesto”, mi sono fatto prendere da mille suggestioni perché avendo letto i racconti potevo pure permettermelo. Però ora un segreto ve lo svelo. Quella casa, brucia.

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon