Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Silvia Greco – Un’imprecisa cosa felice

Silvia Greco – Un’imprecisa cosa felice

by Gianluigi Bodi

A volte il fattore discriminante è lo sguardo che poggiamo sul mondo. Molto spesso sorvoliamo sulle cose senza soffermarci su di esse. Un albero è un albero perché sappiamo che c’è, che sta davanti a noi anche se non lo osserviamo davvero. Forse lo percepiamo, forse lo diamo per scontato.
Ed è sempre una questione di sguardi, ad esempio, quello di Silvia Greco è uno sguardo che ha mantenuta intatta la leggerezza di certi giochi di bambini e che riesca a trarre vita anche da quella che è la morte più assurda.

Un’imprecisa cosa felice” inizia così, una serie di morti, una serie buttata lì per fare riflettere. Che poi vien da dire, come diavolo di sei permesso/a di morire così, che quasi mi fai sorridere e magari pure lo faremmo assieme se tu ci fossi ancora e non fossi caduto giù dalla finestra per una gara di sputi?
Poi inizia la storia, quella di Nino ragazzo con evidenti ritardi cognitivi e quella di Marta e dello Zio Ernesto. Quando conosciamo questi ultimi il lutto nella loro vita c’era già stato. A Nino capita mentre lo stiamo osservando, ma nel mondo nebbioso in cui sta Nino anche il lutto è una cosa assurda. La madre stesa, con il viso coperto e solo il naso di fuori, quasi un iceberg che emerge dal mare. Come dicevo Marta ed Ernesto il lutto lo avevano subito. Una morte assurda, surreale, quella che li ha colpiti. Forse un po’ di rabbia per non aver scelto una dipartita più poetica, meno da barzelletta.
Le strade di questi personaggi sono segnati dalla morte e sembrano influenzate da essa. Come se ciò che sono ora dipenda da ciò che non hanno più, fino a che una mano divina sceglie di sistemare le cose a modo suo e dà nuove opportunità ad entrambi. Nuove strade da percorrere.

Come detto, lo sguardo di Silvia Greco fa la differenza tra una storia pesante e noiosa ed una storia leggiadra che si legge d’un fiato. C’è meraviglia nella pagine, il piacere dalla scoperta e c’è la sensazione che nessuno dei personaggi principale abbia dovuto crescere per essere felice.

P.S Ma quanto bella non è la cover di Maurizio Ceccato? Sembra perfino banale dirlo.

 

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon