La Cultura Underground

by senzaudio

Imbattersi in un dibattito su cosa sia o meno underground è molto meno complicato di quanto non si pensi. Basta, infatti, intraprendere un breve, quanto intenso, pellegrinaggio tra forum alternativi, pagine facebook di gruppi di musica fusion e cafè letterari per essere investiti da miriadi di post, parole, frasi, asserzioni. Se la sorte sarà amica si avrà anche la possibilità di scorgere uno dei così detti “guru dell’underground”.

hipster-homeless

Non è difficile da riconoscere. Al contrario. Mostra ben evidenti i fregi che ne indicano il grado. Solitamente si abbiglia in maniera molto appariscente ed anche molto curata, chiaramente seguendo i mood della moda alternativa del momento. Pantaloni stretti, maglioni desueti, copricapo dalla foggia più disparata, maglie a fiori, occhiali e barba incolta. Ecco, l’odierno profeta della cultura sotterranea dovrebbe indossare su per giù questi indumenti, salvo qualche integrazione personale. Comunque rara. Costui, se interpellato, ma interverrà anche quando non richiesto e magari neppure desiderato, vi saprà sciorinare tutte le caratteristiche che deve avere una qualsiasi produzione artistica per potersi definire underground.

bansky

Il punto sarebbe riuscire a capire perché qualcosa abbia diritto a rientrare in questa ambitissima categoria.Come può definirsi controcorrente qualcosa che in realtà non fa altro che accodarsi ad un flusso principale? Parlando di tale spinoso tema, infatti, è usuale correre il rischio di cadere nella terribile contraddizione del dissenso conformato. Dell’anticonformista seriale, che ha tramutato l’infrazione in pura apparenza. In un’abitudine. Piegandola su se stessa, atrofizzandola, rendendola, in sintesi, scevra di significato. Ma così facendo il ribelle diviene nulla di più che un luogo comune e perpetrandolo si ricade negli errori e negli schemi del sistema che si voleva infrangere. Chi è underground dunque? Chi lo è per comodo, per pura formalità, per gusto estetico e chi lo è per se stesso, senza rendersene conto? Risposta scontata. Non si può, alla luce dei fatti, dare una definizione omnicomprensiva.

countculture1

Tutto può essere underground. Basta che sia sentito. Diretta profusione dell’artista, che infrange la conformità sociale e artistica per assecondare il suo sentire. E lo fa non avendone coscienza. Perchè non può far altro. In questo ordine di idee non importa che sia la voce graffiante di Robert Plant, o quella roca e sofferta di De Andrè oppure ancora il genio artistico schizofrenico di Duchamp, perché qualsiasi oggetto d’arte può assurgere a tale sottogenere. L’underground è una categoria trascendente, che va oltre l’opera d’arte in sè, configurandosi con lo spirito che l’ha prodotta. Quindi cari artisti alternativi, indipendenti, hipster eccetera. Non impegnatevi ad essere fuori dagli schemi, perchè altrimenti sareste l’esatta normalità. Siate voi stessi. Dipingete, cantate, scrivete voi stessi. Allora, forse, potrete dirvi underground.

Commenti a questo post

Articoli simili

1 comment

Ambra 29 Agosto 2021 - 12:32

Ho scoperto di essere underground adesso non lo sapevo neanche

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon