Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Bookpride Milano 2015 – Indipendente a chi?

Bookpride Milano 2015 – Indipendente a chi?

written by Gianluigi Bodi 3 marzo 2015

Se tra il 27 e il 29 Marzo 2015 non avete nessun impegno a Milano ci sarà la prima fiera dell’editoria indipendente.
Se tra il 27 e il 29 Marzo 2015 avete impegni, spostateli e fate una visita alla prima fiera dell’editoria indipendente.

Bookpride Milano 2015 è appunto la prima fiere dall’editoria indipendente (e questo mi sembra di averlo già detto) autofinanziata da chi la fa. Quindi, i soldi per organizzare questo evento li hanno tirati fuori gli editori stessi. Ora, è facile capire quanto gli editori credano a questa manifestazione se hanno deciso di rischiare di tasca propria. Nel mercato editoriale attuale, per le case editrici indipendenti sborsare anche poche centinaia di euro è un puro investimento. Quindi un rischio d’impresa.

La fiera non ha biglietto di ingresso e offre al pubblico un ricco programma di eventi, articolato in tavole rotonde, performance, lezioni e atelier professionali. Tutta la programmazione ruota attorno a un fulcro tematico, che per il 2015 è la differenza.

La lista degli editori è lunghissima. Anche tra gli editori indipendenti non si farà fatica a notare quelli che hanno la casa editrice in uno scantinato e quelli che invece dispongono di mezzi più ampi. Ma la cosa non ha importanza. Ho conosciuto nell’ultimo anno persone che fanno questo mestiere e a prescindere dalla grandezza della loro casa editrice ho sempre sentito la passione per il lavoro che erano chiamati a fare.

La sopravvivenza delle case editrici indipendenti passa anche dall’organizzazione di questi eventi. Al Salone internazionale del libro di Torino 2014 la disposizione degli stand era progettatata in modo da dare ampia visibilità agli editori più grandi. Visibilità che è  superflua se si considera che chi va al Salone va a visitare Mondadori pure se la piazzano vicino ai bagni. I piccoli editori erano sparpagliati nella periferia. Quasi a ridosso delle uscite di sicurezza (anche senza quasi). Una disposizione di questo tipo è figlia del costo che uno stand ha. Ovviamente Einaudi può permettersi gli spazi migliori perché ha soldi da investire. Le piccole realtà devono accontentarsi delle briciole.

Il progetto Book Pride mira a salvaguardare la “bibliodiversità”, cioè della preziosa varietà delle produzioni culturali, messa sempre di più a rischio dall’azione dei grandi gruppi editoriali. (dal sito)

Ben venga quindi una fiera “autogestita”. La speranza è che questo spazio nuovo venga recepito dal pubblico come uno spazio di scoperta. Bookpride 2015 è l’occasione per scoprire un mondo letterario che spesso viene soffocato dall’esuberanza dei grandi editori. Sappiate che se non siete pratici di editoria indipendente entrando a Bookpride c’è il rischio che le vostre abitudini di lettura cambino per sempre.

Ci sono però alcune domande che mi pongo. Perché si è scelto l’autofinanziamento? Perché non sono arrivati fondi pubblici? Forse perché l’idea di Bookpride è quella di essere completamente indipendente? Come mai si è scelta Milano? Aldilà della salvaguardia della bibliodifersità, cosa si aspettano gli editori da questa tre giorni di libri?

Vi consiglio di dare un’occhiata al sito dell’evento. Vi troverete tante informazioni utili.

P.S. Bookpride è ad entrata gratuita.

www.bookpride.it

bookpride3

Commenti a questo post

You may also like

22 comments

Carlotta 3 marzo 2015 at 16:38

Abbiamo valutato anche noi l’idea di partecipare ma il costo dello stand è decisamente troppo alto per una manifestazione alla prima edizione e senza una storia. Inoltre non capisco perché non avere sponsor né pubblici né privati debba essere un merito se poi ci si rifà sugli editori.
Sarebbe meglio trovare dei buoni sponsor e renderla gratuita per gli editori, che possono candidarsi ma vengono selezionati in base alla qualità.
E’ vero che il Salone di Torino ha i suoi difetti ed è caro, ma è una manifestazione di portata internazionale e per quanto ci riguarda va sempre meglio ogni anno. Questo nonostante la crisi.

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa cookies per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue impostazioni cookie.