Space opera di Catherynne M. Valente, traduzione di Alice Zanzottera, è uno dei biglietti da visita con cui una nuova casa editrice, 21lettere, si è presentata ai lettori prima che l’oblio da coronavirus oscurasse i piani editoriali e le nuove uscite. Space opera è anche e soprattutto un romanzo di fantascienza stramba & strambissima, spiritosa e visionaria, che va molto oltre il il Douglas Adams a cui nelle note di copertina sembrerebbe ispirarsi (e che sicuramente è stato tenuto presente dall’autrice). Il risultato finale va molto oltre i romanzi dell’indimenticabile autore della Guida galattica per autostoppisti, talmente tanto da fare un giro completo, attivare qualche porta dimensionale e alla fine della corsa farmi pensare più a uno Stefano Benni reincrociato con uno Scarabeo (il gioco da tavolo) dotato di coscienza, molto logorroico e strafatto di LSD. Space Opera è una turbo-storia in cui tutto va a duecento all’ora in curva, senza freni, con un pilota ubriaco, su di una scogliera a picco sul mare in tempesta pieno di squali. La quantità di battute presenti in ogni paragrafo potrebbe risultare indigesta a qualche lettore, infatti, e il rischio è quello di una sorta di saturazione con conseguente svalutazione della materia prima. Avete mai provato a mangiare una cassata, intendo intera, quelle da un chilo? Ecco, ora ci siamo capiti. E ci immaginiamo, pure, il mal di testa che sarà venuto alla traduttrice Alice Zanzottera per venire a capo del romanzo. Insomma, non consiglierei Space opera a tutti, a tutti-tutti, cioè, lo consiglierei però innanzitutto agli appassionati di fantascienza e in generale a chiunque voglia leggere qualcosa di nuovo, di brillante, coraggioso, geniale nella sua intemperanza. Lo stile cyber-barocco bislacco esagerato esasperato inesauribile dell’autrice, a causa del suo superfetante surplus a tratti può allontanarci dalla pagina, ma basta avere un po’ di pazienza, rallentare un attimo e subito troveremo un’altro capitolo che non dimenticheremo, un altro fuoco di fila di idee. Brava e un po’ folle, Catherynne M. Valente; e con lei il suo psichedelico Space opera.

La trama? A questo punto volete sapere la trama? E va be’, eccola qua: la Terra sta per essere distrutta a causa della scarsa senzienza della sua specie dominante, il violento, gretto, crudele e inquinante essere umano. L’unica possibilità rimasta è dare prova delle nostre capacità nel grande festival galattico di Sanremo dello spazio interstellare. Il problema è che tutti i grandi della musica sono morti, più o meno, e quindi il campione scelto a rappresentarci  e a salvarci dalla distruzione sarà una rockstar in disarmo, ex idolo del glam, tale Decibel Jones. E adesso incrociamo tutti le dita… “L’ipotesi della rarità della Terra ha intenzioni lodevoli, ma è colossalmente, clamorosamente e mostruosamente sbagliata. La vita non è complicata, non è pretenziosa, non è unica, il destino non entra mai in gioco. mettere in moto il micro go-kart ciuccia-benzina della senzienza organica è facile quanto lanciarlo giù per la china e poi restare a guardare che il tutto esploda per autoignizione. La vita vuole essere, non può proprio sopportare di non essere. L’evoluzione scalpita, è lì pronta a partire senza preavviso, e saltella da un piede all’altro come un bimbetto in coda davanti alle montagne russe, tutto un fremito mentre pregusta le luci colorate la musica ad alto volume in loop a testa in giù tanto che se la fa sostanzialmente nei pantaloni ancor prima di aver pagato il biglietto. E il costo del biglietto è basso basso, proprio stracciato, pianeti abitabili belli, pianeti abitabili freschi solo un euro al chilo! […] e naturalmente formula all-you-can-eat su tutte le specie intelligenti. Sbocciano all’improvviso, entrano in collisione con la civiltà industriale a metà strada, e cavalcano il super ciclone Blue tornado finché non vomitano pure la vita o raggiungono la velocità di fuga sbalzando i loro seggiolini smaltati verso il voto incommensurabile”.
Alla via così, Mrs Valente!!

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon