Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi La vita sobria – Autori Vari

La vita sobria – Autori Vari

written by Gianluigi Bodi 2 febbraio 2015

Ho sempre dubitato della bontà delle raccolte di racconti di autori vari, magari costruite attorno ad un tema ben specifico. Mi si sono sempre tenuto un po’ distante, le ho, a volte, assaporate di striscio, giusto per leggermi un paio di racconti di autori che conoscevo e ammiravo.
Fondamentalmente le ho sempre reputate delle operazioni commerciali fine a se stesse, con l’idea di fondo di accaparrarsi quanti più lettori possibili utilizzando ognuno dei singoli autori presenti nella raccolta come esca.
Però, detto tra noi, OGNI LIBRO è un’operazione commerciale. Dietro ogni libro c’è un editore che cerca di pubblicare qualcosa che gli porti un profitto e che gli permetta di continuare a pubblicare altri libri. Il cerchio è quello. La differenza sta nella qualità. Ci sono pessime operazioni commerciali e ottime operazioni commerciali.

Oggi parliamo di “La vita sobria“, edito da Neo Edizioni. Decisamente un’ottima raccolta di racconti.
Ora, leggere una raccolta di racconti mi porta sempre a cercare l’anello debole. C’è sempre un racconto che è palesemente fuori posto (uno quando va bene). Quando ci si imbatte in una raccolta di autori vari molto spesso l’anello debole è un autore. Si scopre poi essere un cugino dell’editore.
Nel casao de “La vita sobria”, a distanza di giorni, non sono ancora riuscito a trovare l’anello debole. Sia gli autori più affermati, sia quelli che sono un po’ più nell’ombra hanno prodotto racconti eccellenti. Certo, c’è un racconto che mi è piaciuto più di un altro, c’è un racconto che non mi ha trovato molto in sintonia. E’ ovvio, ma non è giusto dirlo perché si rischia di far passare il messaggio che il racconto citato positivamente sia l’unico che è piaciuto o che quello citato negativamente sia pessimo. In realtà subentrano i gusti personali, ma qui, aldilà dei gusti personali, non c’è un racconto che non abbia letto con avidità, con curiosità e piacere.
C’è gente davvero brava sulla pagine de “La vita sobria“. Vale davvero la pena leggerla. In fin dei conti, il tema dell’alcol, è un piccolo pretesto per far esplodere la loro energia creativa e se pensate di leggere storie di gente ubriaca alla Bukowsky siete completamente fuoristrata.
In questa raccolta c’è un’immagine molto chiara di dove sta andando la narrativa italiana in questo momento. Ed è un’immagine dannatamente bella.

Neo edizioni. Come definirla? Una casa editrice giovane e dinamica? Una casa editrice in perfetto equilibrio tra narrativa e graphic novel? Gente lungimirante? Personaggi eccentrici con il fiuto per la buona letteratura? Non so, probabilmente un po’ di tutto. Una serie di percentuali variabili mescolate sapientemente, come in un buon cocktail.

Ne “La vita sobria” ci sono racconti di: Claudia Durastanti, Gianni Solla, Fabio Viola, Alessandro Turati, Francesco Pacifico, Olivia Corio, Dario Falconi, Paolo Zardi, Stefano Sgambati, Filippo Tuena.

E, visto che ci siamo citiamo pure la persona che ha messo assieme questo libro e a cui faccio i complimenti per l’ottimo lavoro.

Graziano Dell’Anna è nato nel 1980 in provincia di Lecce. Attualmente vive a Roma. Insegna Lettere nel carcere di Rebibbia. Suoi articoli sono usciti su Nazione IndianaMinima&MoraliaIl Primo Amore. Collabora con il manifesto e Nuovi Argomenti.

Commenti a questo post

You may also like

17 comments

Leave a Comment

Questo sito usa cookies per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue impostazioni cookie.