Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. Una nuova vita – Roger Rosenblatt

Una nuova vita – Roger Rosenblatt

by senzaudio

La speranza inconscia di ogni genitore è quello di farsi seppellire dai propri figli, rispettando il naturale svolgimento del ciclo della vita e dell’esistenza umana. A volte, purtroppo, succede qualcosa di imprevedibile, qualcosa che spezza la catena della normalità e distrugge le speranze di ogni padre o madre. A volte sono i figli ad andarsene per primi, lasciando un vuoto incolmabile e rendendo il resto della vita di chi rimane un lungo processo di sofferenza, di elaborazione del lutto e sensi di colpa più o meno giustificati, per cose che vanno oltre le possibilità umane.
Roger Rosenblatt in “Una nuova vita ” (Nutrimenti) mette a nudo il suo dolore, la sua reazione, la sua difficoltà e anche la sua “semplice” vita dopo che sua figlia Amy muore improvvisamente. Una madre di tre bambini, appena trentottenne, una donna brillante e indipendente che si spegne lasciando un vuoto profondo intorno a tutte le persone che le erano vicino. L’autore con estrema sensibilità ma senza mai cadere nel patetico ricostruisce i cocci dei suoi ricordi unendo i pensieri ai fatti. Racconta la sua reazione, le sue difficoltà e riesce persino a farci sorridere grazie alla sincerità che traspare da ogni sua frase. Rosenblatt e la moglie si trasferiscono a casa del genere per aiutarlo con i tre figli rimasti senza madre. I nipoti saranno il nucleo della storia, bambini che dovranno essere consolati, aiutati ma che, grazie alla loro purezza e innocenza, diventeranno a loro volta un sostegno per i nonni. E sono i momenti più semplici, quelli che normalmente consideriamo persino banali, come preparare la colazione (da qui il titolo originale Making Toast), leggere oppure giocare, a diventare quelli più toccanti, perché l’autore riesce a farci immergere nella bellezza del quotidiano, fatto di piccoli gesti che sono la vera essenza della vita stessa. Un incredibile storia che sa commuovere e insegnare, che riesce a lasciare un impercettibile alone di tristezza ma soprattutto una sensazione di speranza. Un elogio alla bellezza della vita, anche quando ti ferisce violentemente.
La traduzione è di Nicola Manuppelli

Commenti a questo post

Articoli simili

14 comments

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon