Home Guests Songbook – Holden & Company di Luca Pantarotto – A cura di Danilo di Termini

Songbook – Holden & Company di Luca Pantarotto – A cura di Danilo di Termini

by senzaudio

Holden & Company

di Luca Pantarotto

In un libro ci si può imbattere in due tipi di musica: una, esplicita, citata per evocare un ricordo o un avvenimento, ascoltata da uno dei personaggi intenzionalmente o per caso; e un’altra, sotterranea, nascosta, che emerge evocata dalle vicende, dalle atmosfere, dagli ambienti o dalla scrittura stessa. Ed è proprio da queste colonne sonore, normalmente silenziose e nascoste tra le pagine di un libro, che nasce Songbook,

a cura di Danilo Di Termini

Holden & Company  di Luca Pantarotto

Salinger è morto. Viva Salinger

“Dopo aver sparato a John Lennon fuori dal Dakota Building di New York l’8 dicembre 1980, si siede sul marciapiede a leggere proprio Catcher in the Rye”. E prima si era fatto autografare questo disco uscito il 17 novembre di quell’anno.

John Lennon – (Just Like) Starting Over – 1980

 

Michael Chabon, un briccone vestito di lustrini

Per questo autore c’era solo l’imbarazzo della scelta: ho molto amato Telegraph Avenue, la storia di due proprietari di un negozio di dischi. Questo è il primo disco che viene citato nel romanzo.

Donald Byrd – The Dude – 1972

 

Da dove comincio / David Foster Wallace

Colin Meloy, il cantante del gruppo, ha scritto “Calamity Song” poco dopo aver finito Infinite Jest, e ha dichiarato: “Il libro non ha ispirato tanto la canzone in sé, ma l’umorismo irriverente e brillante di Wallace si è fatto strada nella cosa … Posso solo sperare che DFW ne sarebbe orgoglioso.”

The Decemberists – Calamity Song – 2011

 

Da dove comincio / Joe R. Lansdale

Leonard Pine, uno dei due investigatori di Lansdale, omosessuale e di colore, ascolta solo country. Questo è un brano dalla colonna sonora della serie TV.

Joe Ely – Treat Me Like a Saturday Night – 1993

 

Perché abbiamo smesso di leggere Paul Bowles (e perché dovremmo ricominciare)

“Chi lo conosce difficilmente lo avrà letto: magari saprà del suo romanzo più celebre (il tè nel deserto, 1949), ma più che altro indirettamente, per il tramite del film che Bernardo Bertolucci ne trasse nel 1990”. E di cui Ryuichi Sakamoto scrisse la colonna sonora.

Ryuichi Sakamoto – The Sheltering Sky -1990

 

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.