Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non.Baciamo le rime Le prime volte non c’era stanchezza – Luigi Finucci

Le prime volte non c’era stanchezza – Luigi Finucci

by senzaudio

E’ un fatto che la poesia italiana contemporanea – a partire da un certo punto del Novecento – si avvalga di un linguaggio esoterico, carico di immagini evanescenti  e più o meno astratte perché atte a suscitare nel lettore lo straniamento, l’empatia e l’astrazione. E’ un fatto che la poesia rischi di trasformarsi, alcune volte, in un esasperato accavallamento di figure, un coacervo di no sense in bilico tra geniale e banale. E’ un fatto che Le prime volte non c’era stanchezzaantologia poetica di Luigi Finucci,  pubblicata da E R E T I C A edizioni non corra assolutamente questo pericolo.

Si perché i versi di Finucci viaggiano gentili nella bocca e negli occhi di chi li legge dipingendo cartoline romanticissime e reali: i mattini d’estate, il profumo fresco del bucato, il rosa cullante dei pescheti. Ogni immagine scorre tanto dolce e fluida che risulta impossibile non immaginarsi lì, spettatori della propria vita, a trastullarsi con i ricordi che l’hanno raffinata.

E proprio il ricordo, presente nella raccolta a partire dal titolo, è l’elemento centrale della poesia di Finucci; non solo per l’ assidua occorrenza dei quando e dei verbi coniugati all’imperfetto, ma per la funzione poetica che il fattore svolge: sembra quasi di intravedere nelle rime del poeta marchigiano, manco a farlo apposta,  un piccolo Leopardi, quello che affida alla ricordanza e alla memoria il cuore del proprio canto: «Al tempo dei canti mattutini il gallo raccontava la notte sui crinali della rugiada […]»; « Quando il bianco era nel cielo andavo al mare di mattino.[…]». In perfetto stile leopardiano il discorso sul ricordo non si esaurisce in vuoto racconto di un’età dell’oro ma è riflessione sul tempo che scorre e che depone nel non tempo della nostalgia da una parte l’essenza della felicità e dall’altra l’impossibilità di viverla nel presente: « Il mentre che s’accartoccia in una nostalgia non avuta […]».

Un po’ Leopardi e un po’ Pascoli perché è difficile, anche solo per forza di suggestione, non calare nei panni del « Piccolo bambino/ scomparso nel passato, […]» il  fanciullino pascoliano in grado di cogliere la magia oltre il raziocinio, «quell’eternità/ finita tra/ i capelli bianchi.». E’ difficile non avvertire nella  natura ristoratrice di Finucci  un richiamo a quella misteriosa e affascinante del poeta romagnolo.

Due parole, infine, sull’età del poeta: classe 1984, Luigi Finucci è poco più che trentenne; stupisce dunque il tenero languore con cui si rivolge a giorni che sembrano essere fin troppo lontani. Stupisce ma non dispiace perché ha come risultato un verseggiare delicato e accogliente, sinceramente antico come solo l’autentica poesia sa essere.

LUIGI FINUCCI nasce il 15/05/1984 a Fermo (Marche), dove risiede.
È autore del libro di poesie “L’ultimo Uomo – Giaconi Editore (2013)” e del libro di poesie per bambini “L’aspirante Astronauta – Giaconi Editore (2015)”.
Ora collabora con Bibbia d’Asfalto:Poesia Urbana e Autostradale, rivista di poesia contemporanea.
I suoi componimenti sono presenti in diverse riviste e blog ( larosainpiù, Iris news, Penne Armate, In.Arti.Poesia, Pastiche Rivista, Versante Ripido, Words Social Forum ).

 

Salva

Commenti a questo post

Articoli simili

7 comments

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.