Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. La grande bellezza d’essere italiani

La grande bellezza d’essere italiani

by senzaudio

Nel 1999 Roberto Benigni vinceva l’Oscar per il miglior film straniero con La vita è bella, 15 anni dopo, Paolo Sorrentino si aggiudica la magica statuetta con la Grande Bellezza, film  che racconta la vita di Jep Gambardella, scrittore romano d’adozione, re di una malinconica mondanità.

Non è per la bassa statura e nemmeno per l’ospitalità impeccabile che l’italiano si riconosce,  ma per il canto.

Siamo un popolo cantante;  lontano dalla nostra terra ne lodiamo il mare, felici  per un successo ci esprimiamo note, entusiasti di una scoperta ne cantiamo la grande bellezza.

In bellezza concepiti , nel suo grembo cresciuti, per una serie di ridicoli motivi abbiamo poi  dimenticato la nobile genesi.

Fuori dello Stivale  siamo quelli che fanno sempre festa;  questo non ci piace eppure è vero: al di là dello stereotipo, è vero che la vita ci riempie, vorremmo  mangiarla, goderne e farci l’amore; al di là dello stereotipo è forse questa l’immagine di noi che spicca il volo, attraversa l’Oceano e arriva a Los Angeles, nella notte degli Oscar.
Non è un caso che le ultime due pellicole  italiane ad aggiudicarsi la statuetta riflettono,  a partire dal titolo,  sulla bellezza, non è un caso che sia La vita è bella (1997) che La grande bellezza  (2013) raccontino storie, tanto diverse quanto uguali, di una grazia apparentemente sparita, da scovare e restaurare.

Si nobilita così  lo stereotipo dell’Italiano godereccio: l’allegria che lo rappresenta, da superficiale e primordiale indifferenza alla dura scorza della vita, diventa  componente indispensabile del saper stare al mondo “nonostante tutto” .

L’Oscar racconta la rivalsa  del popolo delle cose piccole e belle, la rivincita di un filantropo innamorato nonostante un genocidio in atto, la missione di Jep Gambardella, mondano, frivolamente profondo, alla ricerca di ciò che si sedimenta “sotto il chiacchiericcio e il rumore. Il silenzio e il sentimento. L’emozione e la paura. Gli sparuti incostanti sprazzi di bellezza, e poi lo squallore disgraziato e l’uomo miserabile. Tutto sepolto dalla coperta dell’imbarazzo dello stare al mondo.”

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.