Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. Il secondo tempo – Roy Keane ; Roddy Doyle

Il secondo tempo – Roy Keane ; Roddy Doyle

by senzaudio

Quando nasci a Cork, nel profondo sud dell’Irlanda, sei cattolico e riesci a diventare il capitano di una delle più importanti squadre d’Inghilterra significa che sei un duro. Roy Keane ha indossato la maglia del Manchester United dal 1993 al 2005 lasciando un segno indelebile del suo passaggio, una cicatrice profonda come un taglio sul polpaccio causato da una sua entrataccia da dietro . Centrocampista roccioso, cattivo e dotato di una personalità fuori dal comune nel libro “Il secondo tempo” (Guanda) narra quel passaggio doloroso che succede tra la fine della carriera da calciatore e l’inizio di quella da allenatore, lo fa con l’aiuto di Roddy Doyle (autore meraviglioso, vincitore del Booker Prize con il romanzo “Paddy Clarke ah ah ah!”). Per chi ama il calcio vero, quello che profuma ancora di olio di canfora, di erba, di grasso per le scarpe, quelli che si emozionano ancora per il rumore dei tacchetti a sei sul pavimento, questo libro è una miniera di aneddoti. Non vi aspettate il calcio patinato e i capelli impomatati che non si scompongono neanche dopo un colpo di testa, non vi aspettate dribbling e tunnel, qui si parla di mettere il piede per fermare l’avversario in qualunque modo, di fargli male se necessario e gli unici tunnel di cui sentirete parlare sono quelli che portano dagli spogliatoi al campo, dove può capitare di far nascere una rissa già prima dell’inizio della partita giusto per far capire con chi si ha a che fare. Roy Keane si mette a nudo, parla dei suoi problemi con l’alcol, nonostante avesse delle regole anche per ubriacarsi, mai due giorni prima della partita, tre sì, due no, e ritorna anche sull’episodio più celebre della sua carriera, quando, con la pazienza del conte di Montecristo, architettò la sua vendetta su Håland, reo di avergli rotto i legamenti quattro anni prima. Verso i minuti finali della partita che li vede uno contro l’altro, entra sul calciatore norvegese con insana cattiveria facendogli male, molto male. Fu espulso e dovette pagare una multa molto esosa ma non si nasconde dietro una falsa maschera di buonismo, non chiede scusa. Lui è così, prendere o lasciare. Succede infatti che dopo dodici anni e mezzo di onorato servizio alla corte di sir Alex Ferguson e del Manchester United , di cui è stato spesso il condottiero in campo e nello spogliatoio, venga “cacciato” per il suo comportamento troppo sopra le righe, sono quelle le pagine più toccanti del libro. Roy Keane racconta il suo pianto disperato dopo aver saputo la notizia, dentro la sua macchina, da solo. Due minuti di lacrime che racchiudono l’essenza del calciatore irlandese. Un duro che giocava anche infortunato, che si è sfasciato l’anca per difendere alla morte i colori che indossava ma anche di un uomo che proteggeva i suoi compagni, specie i più giovani. Rissoso, scontroso, padre di cinque figli. Roy Keane è uno degli ultimi giocatori di un calcio che non c’è più, di un calcio che si giocava sul campo e non in televisione. La seconda parte del libro è appunto il suo secondo tempo, quando, appese le scarpe al chiodo, decide di incominciare ad allenare. Ma Keane non può essere un “mister” come gli altri, regole ferree ma anche grande comprensione verso i suoi uomini quando facevano qualche cazzata. È così che riesce, alla sua prima stagione sulla panchina del Sunderland, a laurearsi vincitore della Football League Championship, guadagnandosi così il ritorno in Premier League. Poi le cose incominciano ad andare male e, come Roy ricorderà per tutto il libro, nel calcio un giorno sei considerato il migliore di tutti e quello successivo sei da buttare via.
Un libro da leggere perché descrive la carriera di un calciatore sopra le righe, un personaggio complesso, senza cercare di purificarlo, scritto con un autore come Roddy Doyle che mantiene sempre alto il ritmo della narrazione e ha tempi comici perfetti. Se per voi il calcio è rappresentato da i giocatori come Neymar, state alla larga da questo libro perché potrebbe accadere che Roy Keane vi falci le gambe, intimandovi di rialzarvi in fretta, perché il calcio non è uno sport da fighette.
La traduzione è di Ferrantini Lucia.

Commenti a questo post

Articoli simili

17 comments

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

WeePie Cookie Allow cookie category settings icon

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.

WeePie Cookie Allow close popup modal icon