Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Federico Falco – Silvi e la notte oscura

Federico Falco – Silvi e la notte oscura

by Gianluigi Bodi

Per una volta vi dovete scordare il classico racconto argentino di matrice bonaerense fatto di strade intricate, ombre pesanti, spettri e terrore. Stavolta ci spostiamo più a sud, al centro dell’Argentina. Più precisamente nella provincia di Córdoba dove è nato nel ’77 Federico Falco e dove possiamo collocare il contesto di questa raccolta di racconti.

Per una volta tanto è piacevole sprofondare in una lettura di questo tipo. La raccolta è costellata di personaggi delicati, di scene quotidiane che è capitato di affrontare anche a no, o che se non le abbiamo affrontate comunque ci pongono davanti a scelte a cui anche noi abbiamo dovuto dedicare il nostro tempo. Ad esempio, nel racconto (molto bello) che dà il titolo alla raccolta “Silvi e la notte oscura“, Silvi è una ragazzina in fuga dalla fede. La madre è autoritaria, non le dà la possibilità di pensare con la propria testa. Silvi si rifugia nell’amore immaginato, pendina una coppia di predicatori porta a porta Mormoni perché si è invaghita di uno dei due e poi cede l’unica cosa di cui sente ti disporre.
In un altro racconto “La vita di boschi” il vecchio Wutrich e la figlia Mabel sono costretti a lasciare la casa nel bosco perché il progresso si sta facendo avanti a colpi di sega. Mabel viene data in sposa a chi può garantire a Wutrich una degna fine.
Ne “Il re delle lepri” un paesano si rifugia nei boschi per sfuggire alla città e ai suoi abitanti e viene accolto dalla natura come un figliol prodigo pronto a ritornare sui suoi passi.
Ne “Un cimitero perfetto” un ingegnere esperto nella costruizione di cimiteri si cimenta nella sua opera più riuscita senza riuscire a completarla, mentre l’unico vero seppellito sembra essere lui.

“Silvi e la notte” oscura è una raccolta molto omogenea, segno di uno stile maturo e consolidato. Come dicevo i temi sono molto diversi da quelli che solitamente accostiamo al racconto argentino. Non c’è traccia della dittatura, non c’è quell’oscurità schiacciante, il controllo asfissiante dell’esercito, la perdita e l’impossibilità di seppellire i propri cari. In questa raccolta i morti vengono seppelliti, anche quando sono adagiati ad un albero, in questa raccolta ai morti viene costruito un cimitero perché una città non può seppelire i propri morti altrove.

A dare ancora più brillantezza a questa raccolta c’ha pensato Maria Nicola con la sua traduzione. Mi sembra di poter dire che questo nome è una garanzia di qualità.


Federico Falco è nato nel 1977 a General Cabrera, nella provincia di Córdoba (Argentina).

Autore di racconti e poesie, nel 2010 è stato selezionato dalla rivista Granta come uno dei migliori scrittori in lingua spagnola sotto i 35 anni. Nel 2017 Silvi e la notte oscura è stato finalista al Premio Gabriel García Márquez per il racconto.

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.