Home Inchiostro Fresco - Recensioni di libri letti da Gianluigi Bodi Chris Bachelder – L’infortunio – Una recensione Senzaudio

Chris Bachelder – L’infortunio – Una recensione Senzaudio

by Gianluigi Bodi

Patetico?

Il primo pensiero che ho avuto è stato: ma come si fa ad essere così patetici da riunirsi una volta l’anno per mettere in scena un’azione di football americano che ha portato alla rottura di una gamba e alla conseguente fine della carriera di Joe Theismann?
Questo pensiero ovviamente è arrivato poco dopo la lettura della bandella del libro “L’infortunio” di Chris Bachelder ed è svanito riga dopo riga fino a perdersi nella lettura.
La premessa narrativa da cui prende vita questo libro è, in effetti, ammantata di una certa tristezza. Poi, a mano a manco che si procede con la lettura e si incontrano i personaggi che da sedici anni mettono in scena l’azione incriminata ci si rende conto su quale piano stiamo realmente giocando. Ma andiamo per ordine.

I protagonisti di questo libro sono George, Derek, Carl, Andy Charles e tanti altri. Sono in molti a partecipare a questo rito e il loro tempo sotto ai riflettori è ovviamente ridotto. Eppure, forse grazie ad un abile gioco di incastri in cui a turno i personaggi interagiscono tra loro, forse perché Bachelder è abile a costruire l’insieme del libro partendo dai piccoli frammenti che ognuno di loro mette sul piatto ecco che l’unità di tutte queste individualità ci accompagna all’interno di una storia che ha a che fare con il rimpianto e le scelte sbagliate.

Il momento in cui le ossa di Theismann si spezzano e si frammentano è uno riconosciuto da tutti come uno spartiacque. I ragazzi della loro generazione ricordano perfettamente dov’erano e cosa stavano facendo quando quella determinata gamba ha fatto crack. Come i genitori o i nonni si ricordano Dallas.

Si può discutere sul motivo per cui un gruppo di uomini di mezza età decida di ritrovarsi ogni anno e rimettere in scena questo rito. Si può discutere sulla sfumatura che ognuno di loro dà alla rievocazione. Qualcuno ne è ossessionato e cerca di essere il più rigoroso possibile, qualuno la vive come un condanna da sopportare, altri la subiscono in silenzio. Per alcuni è espiazione dei peccati, per altri è un modo per sopravvivere al quotidiano. A me pare che quell’infortunio rivesta il ruolo di spartiacque tra un prima in cui le possibilità erano ancora tutte davanti a loro e un dopo costellato di scelte sbagliate, di matrimoni falliti, di figli venuti su diversi da come se li aspettavano e da una fine dei giochi che è sempre più vicina.

Ecco quello che è per me “L’infortunio” di Chris Bachelder. Un ritratto corale. Una storia raccontata con leggerezza ed ironia. Un compendio di malinconie e di rimorsi. Io credo che tutti noi abbiamo un “Infortunio” con il quale siamo costretti ciclicamente a fare i conti. Nel mio caso, sicuramente, c’è.

Segnalo la traduzione di Damiano Abeni che contribuisce al piacere della lettura di questo libro e la cover di Falcinelli & Co che impreziosisce questo libro.

Chris Bachelder (Minneapolis, 1971) è autore di quattro romanzi, di cui il primo, Orso contro Squalo, è stato pubblicato in Italia da minimum fax nel 2004. L’infortunio, uscito integralmente a puntate sulla Paris Review e finalista al National Book Award, ha segnato la sua definitiva consacrazione presso la critica. Bachelder insegna scrittura creativa all’Università di Cincinnati.

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.