Home SenzatraduzioniNotizie dall'interno Amico, fammi un italiano. Corretto, grazie!

Amico, fammi un italiano. Corretto, grazie!

by senzaudio

Vi ricordate l’intervista alle organizzatrici di Italiano Corretto? Venerdì e sabato scorsi (15 e 16 aprile) la duegiorni tanto attesa è diventata realtà, tra neologismi, frasi fatte e gli immancabili anglicismi.

Vado a un convegno sull’Italiano: c’è una relatrice dell’Accademia della Crusca, un linguista, il compilatore di un dizionario, un laboratorio sulla punteggiatura… Sai che noia! In realtà, conoscendo STL e Doppioverso, ero preparata a incontri un po’ sui generis, con relatori seri e competenti ma poco “ingessati”, pronti a interrogarsi sullo stato della nostra lingua senza spocchia o preconcetti. E poi venerdì sera c’era lo spettacolo teatrale Un anno lercio. E dove c’è Lercio, c’è gioia!
E così, tra una riflessione sugli #hashtag, un video in doppiagese e presagi sulla morte di po’ (il cui accento resuscita in qual’è), scopro che la nostra lingua non se la passa poi così male.
E i congiuntivi che spariscono? E il che polivalente? E l’invasione dell’inglese? E il “c’è lo” dilagante sui social? I social, appunto: sono loro i primi responsabili di questo mutamento. Perché la lingua che usiamo su Facebook, pur essendo scritta, ripropone i meccanismi tipici della parlata orale (come ci spiegano le Doppioverso nel loro intervento) e tende a un’inevitabile semplificazione, dovuta in primis all’immediatezza della comunicazione.
Inoltre, i social danno voce a categorie di parlanti che prima, terminati gli studi, tendevano a esprimersi quasi esclusivamente in forma orale, riservando la scrittura solo a occasioni importanti o alla comunicazione privata e, pertanto, libera dal controllo di terzi (sulla lista della spesa possiamo scrivere come ci pare). Questi semianalfabeti, o analfabeti funzionali, si trovano improvvisamente a (ri)utilizzare la scrittura come forma di comunicazione quotidiana, con le inevitabili storpiature che ne conseguono e che, secondo Andrea De Benedetti, prima o poi finiranno con l’essere accettate anche da grammatiche e dizionari.
D’altra parte, ogni lingua si evolve grazie a storpiature e contaminazioni straniere, vanificando ogni tentativo di conservarne la “purezza”. Come quello intrapreso a suo tempo da Paolo Monelli, che in epoca fascista si scaglia contro i forestierismi nel suo Barbaro Dominio di cui Leonardo Marcello Pignataro ci ha letto alcuni brani che a noi posteri sembrano esilaranti, nonostante il serio intento dell’autore (chi si scandalizza, oggi, all’uso del termine “esperto”, bandito da Monelli perché di origine straniera?). E viene da chiedersi se un giorno, con buona pace dei grammarnazi di oggi, qualcuno riderà dei termini “esagerati” che Luca Mastrantonio ha raccolto in Pazzesco! Insomma, la lingua evolve ed è inutile gridare all’imbarbarimento.
E allora? Ognuno scrive come vuole? Naturalmente no! O meglio, bisogna distinguere tra i contesti in cui usiamo l’italiano per comunicare con gli amici (scrivereste mai “se l’avessi saputo, sarei venuto” in una chat su Whatsapp?, chiede Vera Gheno) e quelli in cui lo usiamo per lavoro, dove è bene salvaguardare la norma (dopo tante le pippe sul Fattore S, vi pare che ora getto tutto alle ortiche?), evitando di cadere nell’ipercorrettismo e in una lingua ormai stantia. Come ci ha dimostrato Giulio Mozzi nel suo intervento, l’infrazione della regola serve a creare di uno stile, beninteso che chi infrange la regola deve prima conoscerla.
Un’altra importante distinzione, a mio parere, va fatta tra l’errore grammaticale (commesso per ignoranza o distrazione) che strappa un sorriso e la scorrettezza sintattica che ostacola la comunicazione; tra il refuso e la scarsa capacità di argomentazione, spesso rimpiazzata dall’arroganza. Insomma, non demonizziamo chi commette qualche errore ma ricordiamoci che è nel nostro interesse saper padroneggiare al meglio l’italiano: chi vive nella convinzione che la grammatica non serva a niente, uscirà perdente davanti a un contratto di cui non comprende le cause o a un’accusa a cui non sa controbattere.
Perché la lingua resta innanzitutto uno strumento di potere. Possiamo difenderne un’artificiale purezza o salvaguardarla dalla semplificazione generalista, a cui fa da contraltare un linguaggio specialistico sempre più criptico, pieno di acronimi e anglismi (basti pensare all’economia); la decisione spetta a noi, e con “noi” non intendo solo chi lavora con l’italiano, ma l’intera comunità di parlanti perché, parafrasando un vecchio slogan, La lingua è di chi la parla.

 

P.S.:La foto in copertina è stata realizzata appositamente per Senzaudio da Silvia Ghiara, che ringraziamo infinitamente!

Commenti a questo post

Articoli simili

9 comments

Amico, fammi un Italiano. Corretto, grazie! | Italiano Corretto 22 Aprile 2016 - 9:16

[…] Leggi l’articolo. […]

Reply
Lidia Capone 20 Maggio 2016 - 9:35

E se l’italiano te lo contamina il maledetto correttore Android? Spesso è lui (e il tempo tiranno) che detta legge sull’ortografia della lingua social! 🙂

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.