Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. 10 cose che non faresti più online se sapessi di essere spiato da Prism

10 cose che non faresti più online se sapessi di essere spiato da Prism

by senzaudio

Una volta c’era Echelon, ne avevamo tutti un certo timore reverenziale. Ci dicevano che qualcuno ascoltava Echelonle nostre telefonate e si intrufolava nella nostra vita. Era per motivi di sicurezza, dicevano, serve a tenere a bada i terroristi, affermavano. Poi capitava che i terroristi colpissero gli obiettivi che si erano prefissati senza tanta fatica per cui ti veniva il dubbio che Echelon fosse un’enorme cazzata, uno spauracchio.
Faccio un esempio molto semplice. Per farvi capire quanto Echelon fosse presente mediaticamente mi basta dirvi che su un giornale uscì la notizia che i terroristi (sì, sempre loro) spaventati dall’efficienza dal controllore elettronico avevano iniziato a codificare le informazioni da mandare alle cellule all’interno degli Mp3. Non so voi, ma io metto questa notizia vicino a quelli che ascoltano gli LP al contrario sperando di trovarvi messaggi di Satana.
Ora c’è Prism, ecco di cosa parlano i giornali. Ok, mettiamo che Prism sia una cosa seria e che, come dicono loro, può controllare tutto quello che facciamo nella nostra vita digitale, ecco una lista di 10 cose che non faresti sapendo di essere spiato.
1) Non comprereste più Viagra o Cialis online cliccando sulle email che vi arrivano e che fingete di disprezzare. Peccato, costavano poco e sembravano funzionare (anche se poi le usavi per il punto due)
2) Non visitereste più le chat e i siti pornografici. Nemmeno per fare ricerca per quel libro che dite di avere iniziato dieci anni fa e del quale nessuno ha ancora visto una pagina.
3) Addio al cybersesso con la fidanzata che si trova in Papuasia. Era già imbarazzante dover fronteggiare le improvvise comparsate di vostra madre, sapere che anche Obama vi può osservare è troppo, poi c’è quel particolare dell’invidia del pene.
4) Basta con l’ego-surfing. Ecco, dovrete trovare altri modi per capire che nel Web, come probabilmente nella vita reale non contate poi molto.
5) Non cerchereste più su internet informazioni su quelle pustolette fastidiose che sono uscite in un luogo poco piacevole.
6) Il fumo, non compreresti più il fumo usando Browser superprotetti che navigano nel lato oscuro di internet. Si ritorna per le strade, cercando l’extracomunitario all’angolo delle strada che vende accendini e anche la roba per usarli.
7) Addio anche ai siti d’incontri e a quelli che promettono mogli/modelle russe. Se proprio vorrete dovrete comprare un biglietto aereo e rendervi conto sul posto che vi stanno prendendo per il culo.
8) Basta musica e film gratis. Se ti pigliano ti sbattono dentro un cella per il resto dei tuoi giorni e per evitare problemi vai a bruciare CD/DVD/Hard Disk con tutta la roba che hai scaricato in passato. Per finire, per fare ammenda, scarichi da Itunes, pagando, i primi 100 album che ti propone il Genius.
9) Basta partite in Streaming, dovrete dire addio ai commentatori brasiliani che urlano per un quarto d’ora ogni volta che qualcuno segna (il brutto quando capita alla fine del primo tempo e questi vanno avanti fino all’inizio della ripresa), addio anche ai commentatori arabi di cui non capite una parola, ma almeno i calciatori loro sembrano riconoscerli e le telecronache sono meno faziose.
10) Basta cazzeggio al lavoro, se il vostro capo chiama Obama siete fottuti.

Commenti a questo post

Articoli simili

Leave a Comment

Questo sito usa cookies per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue impostazioni cookie.