1 maggio 1994, la morte di un dio

by senzaudio

This is the end. Questa storia inizia dalla fine. Il 1 maggio del 1994, Ayrton Senna morì a 34 anni, fatale e letale fu un terribile incidente in quel di Imola.  Che cosa sia stato quel tragico weekend è difficile da spiegare: è come se la nuvoletta di Fantozzi si fosse trasformata in un gigantesco uragano, una tempesta in grado di spezzare automobili e con esse le vite di chi le guidava.senna Sabato, il giorno delle libere, veloce come un missile va a sbattere contro un muro Roland Ratzenberger, un carneade della Formula 1. Muore quasi sul colpo, l’impatto, ma soprattutto la forte decelerazione, gli spezzano la base cranica.

Splendeva il sole in quel weekend, ma regnava la pioggia. Sembrava dovesse piovere per sempre. Ratzenberger esce nella curva intitolata a Gilles Villeneuve – ironia della sorte? -, ovvero il pilota più amato dagli appassionati di auto. Gilles era il James Dean dell’automobilismo, Ratzenberger un buon pilota che aveva coronato il suo sogno (era al terzo Gp), Senna era Senna. Ayrton aveva conquistato per tre volte il titolo di Campione del Mondo, era semplicemente il più bravo, il più forte di tutti. senna-stillFenomenale sull’asciutto, un dio imbattibile sul bagnato, nel sangue di Senna scorreva la velocità.

Era un’altra epoca, era una Formula 1 pura, genuina, non computerizzata. Senna per me, allora undicenne, rappresentava davvero una divinità. Non si poteva credere alla sua morte, Dio non può morire. Invece sì, gli errori umani e la sorte possono essere attori tragici in grado di rompere una vita e far crollare sogni. E’ stato il primo incontro con il nostro destino, anche per questo non mi è possibile dimenticare Ayrton Senna, il più grande di sempre.

Commenti a questo post

Articoli simili

1 comment

danygobb 1 Maggio 2013 - 15:14

Sul fatto che Senna fosse un grandissimo e se ne sia andato troppo presto sono pienamente d’accordo (avrei voluto vedere come se la sarebbe cavata nei campionati a venire col giovane Schumacher).
Sono meno d’accordo sulla F1 dell’epoca in formato genuino. Già dai tempi di Senna alla Mc Laren era iniziata l’evoluzione forsennata dell’elettronica (poi infatti regolamentata con un minimo di criterio).
Penso che la F1 fosse lo sport più bello del mondo fino ai tempi di Villeneuve, Lauda e Prost, odore di benzina e sudore. Ma lo posso pensare solamente e riguardarmi quei duelli su youtube, io non c’ero ancora…

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa  per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue {WPCA_SETTINGS_LINK}.

Cookie settings

Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.