Home Inchiostro - Recensioni di libri indipendenti e non. Luca Bernardi – Medusa

Luca Bernardi – Medusa

written by Adriano Fischer 16 marzo 2017
Medusa

Non è mica facile il libro; recensirlo, dico.

È una pioggia incessante di invenzioni linguistiche, andirivieni poetici, e flipper metaforici, iati ubriacanti.

Ci sono anche zone in cui non ci si capisce nulla ma si è entusiasti ugualmente, come quando si è catturati al volo da un caleidoscopio, dentro il quale si viene scecherati violentemente.

Verrebbe da chiedersi cosa legge questo ragazzo nel tempo libero.

Classe 91, Luca Bernardi, Ottimo.

Direi che la trama non rende giustizia allo stile, o forse lo stile voleva adombrare qualsiasi obiettivo narrativo, qualunque forma di comunicazione. Il suo insegnante, Scardanelli considerava il significato una moneta appestata,  “La comunicazione è ributtante, sentenziava sollevando la linguetta metallica

E nonostante tutto, la storia c’è, è presente ed è forte. Perchè abbiamo un ragazzo disadattato che sogna di stendere un Dizionario Semiologico Abissale grazie al quale poter riuscire a comunciare con gli alieni, esseri con i quali è in continuo contatto.

Progetto che vedrà come co – protagonista Scardanelli, ex insegnante, alcolizzato, rinchiuso in una clinia, l’unico che condivideva il progetto, ossia quello di gettare le basi per un dizionario metalinguistico che ammorbidisse l’impatto con un imminente invasione aliena.

Di un ponte, parliamo “fra artropodi e venusiani”, un ponte semantico che inventi un nuovo linguaggio, che trasponga quello umano nelle forme utilizzate da altre specie, quali scarafaggi, meduse, mantici, pleiadi. E questo per evadere da un linguaggio umano che è impastato di mafiosaggini, preistorici idiomi,

Obiettivo: è quello di trovare un editore. E sarà solo alle Meduse che confesserà di averlo finalmente trovato.

Scorrevole, divertente, Medusa è un testo euforico, finisce dando l’impressione che gli ultimi centimetri di lingua della pellicola siano stati risucchiati, riavvoliti improvvisamente dentro il nastro.

Luca Bernardi (1991) è cresciuto a Bolzano. Questo è il suo primo romanzo.

Commenti a questo post

You may also like

1 comment

Adriano Fischer 17 marzo 2017 at 12:07

piccole distrazioni ortografiche

Reply

Leave a Comment

Questo sito usa cookies per darti la miglior esperienza d'uso. Acconsenti all'uso cliccando il tasto "Accetta" o cambia le tue impostazioni cookie.